Trasporto aereo

83/120

Stabile nel 2012 il numero di passeggeri in Italia     

UNO SGUARDO D'INSIEME

Il trasporto aereo è utilizzato da fasce di popolazione sempre più ampie per la mobilità su distanze medio-lunghe, anche grazie all’offerta di voli delle compagnie cosiddette low-cost. Rispetto agli altri mezzi di trasporto, quello aereo sperimenta una dinamica più rapida, ma è vincolato da un livello prossimo alla saturazione delle sue infrastrutture. La politica del “cielo unico europeo” persegue l’obiettivo della sicurezza e della tutela dei diritti dei viaggiatori anche attraverso la modernizzazione e il miglioramento dell’efficienza degli aeroporti. Dal punto di vista strategico si affiancano due concezioni: una basata sugli hub, grandi aeroporti che fungono da snodo del traffico intercontinentale; l’altra sul point-to-point, per collegamenti diretti tra aeroporti anche minori. Nel 2012 l’Italia registra 116,1 milioni di passeggeri trasportati.


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Scarica la scheda in PDF
Avvertenze


Confronti europei


Passeggeri e movimento di aeromobili nei paesi Ue

Graduatoria dei primi aeroporti nei paesi Ue per trasporto passeggeri e merci


Confronti regionali


Passeggeri su voli interni e internazionali di linea e charter per regione

Graduatoria dei primi dieci aeroporti italiani per trasporto passeggeri e merci


Serie storiche


Passeggeri su voli interni e internazionali di linea e charter per regione


Definizioni utilizzate

I passeggeri trasportati sono quelli il cui viaggio inizia o termina nell’aeroporto dichiarante, con l’esclusione dei passeggeri in transito diretto. I movimenti complessivi di aeromobili comprendono i servizi aerei di linea e charter, interni e internazionali; il rapporto tra movimenti, o passeggeri, e popolazione residente consente migliori confronti internazionali. Le merci e la posta considerate sono quelle a bordo di un aeromobile all’atterraggio, oppure al decollo, dall’aeroporto dichiarante. Sono incluse le merci e la posta in transito diretto, colli espresso e valigie diplomatiche, mentre sono esclusi i bagagli dei passeggeri. Il dato sui passeggeri per paese dell’Ue esclude il doppio conteggio di passeggeri su voli nazionali, così come il valore dell’aggregato europeo prende in considerazione i passeggeri intra-Ue solo una volta. Viceversa, nei dati sui passeggeri per regione italiana, i viaggiatori interni sono conteggiati sia nell’aeroporto di imbarco che in quello di sbarco. Rientrano nel campo di osservazione gli aeroporti con un numero di passeggeri annui superiore a 15.000 unità.


Fonti

Istat, Trasporto aereo

Eurostat, Transport statistics

Pubblicazioni

Istat, Il trasporto aereo in Italia - Anno 2012, Comunicato stampa, 19 novembre  2013

Link utili

Istat/trasporti

Istat/datawarehouse

Eurostat/transport

Eurostat/air passenger transport - monthly statistics



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice