noi-italia2015
istat

Rapine

55/121

Versione stampabile

Rallenta la crescita delle rapine nel 2013 (+2,6 per cento)     

UNO SGUARDO D'INSIEME

La rapina, insieme al furto, viene definita un reato “predatorio”. La sua peculiarità è che nell’esecuzione vi è l’uso della violenza, che può essere di natura fisica, o verbale con ricorso alla minaccia. Le rapine denunciate dai cittadini alle Forze di polizia, o venute a conoscenza da queste ultime, sono cresciute dal 1985 al 1991 passando da 42,2 a 69,1 per 100 mila abitanti, valore, quest’ultimo, leggermente inferiore a quello attuale. Nell’anno 2013, vengono denunciate infatti 43.754 (+2,6 per cento rispetto all’anno precedente), corrispondenti a 72,6 rapine (commesse o tentate) per 100 mila residenti. Successivamente al 1991 il fenomeno ha avuto un andamento altalenante, con livelli compresi tra il 50,3 del 1995 e l’87,6 del 2007. Dopo il periodo 2007-2010, che ha visto una diminuzione delle rapine di oltre un terzo (34,1 per cento), a partire dal 2011 si assiste ad una nuova fase incrementale, con particolare riferimento alle rapine in abitazione. Per quanto riguarda la tipologia delle rapine in banca, essa ha registrato una fase di crescita quasi senza interruzione tra il 1985 e il 1998 (da 1,5 a 5,7 rapine per 100 mila abitanti), cui ha fatto seguito una tendenza alla diminuzione, particolarmente intensa nel periodo 2008-2010, seguita da un periodo di sostanziale costanza nei livelli negli anni successivi (l’attuale valore è pari a 2,0 per 100 mila abitanti).


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Confronti europei


icona Rapine denunciate nei paesi Ue
[xls
 - ods]


Confronti regionali


icona Rapine in totale e rapine in banca denunciate per regione
[xls]

icona Rapine denunciate dalle Forze di polizia all’Autorità giudiziaria per regione
[xls]


Serie storiche


icona Rapine in totale e rapine in banca denunciate dalle Forze di polizia all'Autorità giudiziaria per regione
[xls
 - ods]


Definizioni utilizzate

Compie una rapina chi, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto, mediante violenza alla persona o minaccia, s’impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene (art. 628 c.p.). I dati comprendono le rapine sia effettuate sia tentate. L’indicatore utilizzato per il confronto europeo considera, oltre alle rapine, anche i furti con strappo (scippi). Per rapina in banca si intende una rapina, consumata o tentata, nella sede di un Istituto di credito, escludendo quindi le rapine effettuate ai danni di trasportatori di valori (ad esempio, rapine a furgoni portavalori).


Fonti

Ministero dell'interno, Banca dati Sdi (Sistema di indagine)

Eurostat, Crime and criminal justice

Pubblicazioni

Ministero dell'interno, Rapporto sulla criminalità e la sicurezza in Italia – 2010, luglio 2011

Eurostat, Trends in crime and criminal justice, Statistics in focus, 18/2013

Link utili

Istat/giustizia in cifre

Istat/datawarehouse

Istat/giustizia e sicurezza  

Ministero dell’interno/criminalità

Misure del benessere

Eurostat/crime

Eurostat/crime metadata

Onu/crime



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice