Omicidi volontari

52/120

Prosegue il trend decrescente del numero di omicidi nonostante la ripresa di quelli di matrice mafiosa     

UNO SGUARDO D'INSIEME

Nel corso del 2012 in Italia si sono consumati 528 omicidi volontari, in moderata diminuzione rispetto ai 550 dell’anno precedente. In rapporto alla popolazione, alla diminuzione repentina avvenuta tra il 1991 - anno di picco – e il 1993 (da 3,38 a 1,87 omicidi per 100 mila abitanti) ha fatto seguito un calo progressivo, con lievi perturbazioni, fino allo 0,89 registrato nel 2012, che rappresenta un minimo storico malgrado l’aumento nell’ultimo anno della componente degli omicidi ascrivibile alle organizzazioni criminali di tipo mafioso (sono stati 68, il 28,3 per cento in più rispetto al 2011, in controtendenza rispetto al trend discendente che li ha a lungo caratterizzati). I tentati omicidi nel 2012 sono stati 1.327, il 5,3 per cento in meno rispetto all’anno precedente. Ogni 100 omicidi volontari consumati ve ne sono quindi circa 251 tentati. Rimane delineato, malgrado alcune fluttuazioni, il trend discendente di lungo periodo (dai 3,87 tentati omicidi per 100 mila abitanti del 1991 ai 2,23 del 2012).


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Scarica la scheda in PDF
Avvertenze


Confronti europei


Omicidi volontari denunciati nei paesi Ue


Confronti regionali


Omicidi volontari, consumati e tentati, per regione

Omicidi volontari consumati per regione


Serie storiche


Indicatori sugli omicidi per regione


Definizioni utilizzate

Nel codice penale italiano, l’omicidio è il primo reato contemplato tra i delitti contro la persona (art. 575); è punito con la reclusione non inferiore a 21 anni. Sono disciplinati separatamente, in articoli successivi, l’infanticidio, l’omicidio del consenziente, l’omicidio preterintenzionale e quello colposo. Negli omicidi commessi per motivi di mafia si includono quelli commessi da associazioni di tipo mafioso, cioè composte da persone che si avvalgono della forza di intimidazione del vincolo associativo e della condizione di assoggettamento e di omertà che ne deriva per commettere delitti e altre attività illecite. Nei confronti europei, il dato relativo all’Italia comprende oltre gli omicidi volontari consumati, i preterintenzionali e gli infanticidi.


Fonti

Ministero dell'interno, Banca dati Sdi (Sistema di indagine)

Eurostat, Crime and criminal justice

Pubblicazioni

Ministero dell'interno, Rapporto sulla criminalità e la sicurezza in Italia – 2010, luglio 2011

Eurostat, Trends in crime and criminal justice, Statistics in focus, 18/2013

Link utili

Istat/giustizia in cifre

Istat/datawarehouse

Istat/giustizia e sicurezza

Misure del benessere

Ministero dell’interno/criminalità

Eurostat/crime 1

Eurostat/crime metadata

Eurostat/crime 2

Eurostat/crime 3

Unodc/crime



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice