Imprese innovatrici

89/120

Resta stabile nel tempo la quota di imprese innovatrici: un terzo di esse ha introdotto innovazioni di prodotto o processo nel triennio 2008-2010     

UNO SGUARDO D'INSIEME

Sebbene l'innovazione sia un fenomeno complesso e ancora poco indagato nelle sue relazioni con la crescita economica e l'occupazione, essa rappresenta un obiettivo comune delle politiche di sviluppo economico nazionali ed europee. Nel triennio 2008-2010, rispetto a quello precedente, la quota di imprese innovatrici registra nel complesso una modesta riduzione (da 32,0 a 31,5 per cento). Tuttavia, a livello settoriale si registrano andamenti diversi: nell'industria la percentuale di imprese innovatrici aumenta di 2 punti percentuali, mentre nelle costruzioni e nei servizi diminuisce rispettivamente di oltre 4,4 e 1,6 punti percentuali.


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Scarica la scheda in PDF
Avvertenze


Confronti europei


Imprese innovatrici nei paesi Ue


Dati nazionali


Imprese innovatrici e spesa sostenuta per l'innovazione in Italia per tipologia di innovazione, settore e classe di addetti


Confronti regionali


Imprese innovatrici con almeno 10 addetti per regione


Definizioni utilizzate

L'indagine sull'innovazione nelle imprese (Community Innovation Survey), basata sulle definizioni adottate in sede internazionale, garantisce la confrontabilità a livello europeo. L'impresa innovatrice è quella che nel triennio 2008-2010 ha introdotto sul mercato innovazioni di prodotto (o servizio) o ha adottato al proprio interno innovazioni di processo. La spesa per innovazione include le spese per la R&S interna e esterna, l'acquisto di macchinari, attrezzature, hardware e software finalizzati all'introduzione di innovazioni, l'acquisizione di altre tecnologie non incorporate in beni capitali (brevetti, licenze, marchi, ecc.), la progettazione industriale (design), la formazione e il marketing legati allo sviluppo di innovazioni. Per il confronto temporale sono stati utilizzati dati relativi ad una sottopopolazione comune a entrambe le edizioni di indagine, cioè sono stati esclusi i settori non rilevati in entrambe le indagini. I dati utilizzati per il confronto nazionale differiscono da quelli europei perché includono il settore delle costruzioni e altri settori dei servizi non rilevati a livello europeo.


Fonti

Istat, Rilevazione sull'innovazione nelle imprese

Eurostat, Community innovation survey (Cis)

Pubblicazioni

Istat, L’innovazione nelle imprese italiane - Anni 2008-2010, Comunicato stampa, 7 novembre 2012

Oecd, Proposed Guidelines for Collecting and Interpreting Technological Innovation Data, Oslo Manual, 2005

Link utili

Istat/imprese

Eurostat/science & technology

 



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice