noi-italia2015
istat

Mortalità infantile

40/121

Versione stampabile

La diminuzione del tasso di mortalit├á infantile rallenta, permangono le differenze territoriali     

UNO SGUARDO D'INSIEME

Il tasso di mortalit├á infantile, vista la correlazione negativa che lo lega alle condizioni sanitarie, ambientali e socio-economiche, si pu├▓ interpretare come espressione del livello di sviluppo e di benessere di un paese. Il valore di questo indicatore continua a diminuire su tutto il territorio italiano, raggiungendo valori tra i pi├╣ bassi in Europa, anche se negli anni pi├╣ recenti si assiste ad un rallentamento di questo trend. Permangono, inoltre, differenze territoriali che vedono il Mezzogiorno penalizzato. Nel 2011 il tasso di mortalit├á infantile ├Ę di 3,1 decessi per mille nati vivi, valore di poco inferiore a quello osservato nel 2010 (3,2).


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Confronti europei


icona Tasso di mortalità infantile nei paesi Ue
[xls
 - ods]


Confronti regionali


icona Tasso di mortalità nel primo mese di vita e tasso di mortalità infantile per regione
[xls]

icona Tasso di mortalità infantile per regione
[xls]


Serie storiche


icona Tasso di mortalità infantile e nel primo mese di vita per regione
[xls
 - ods]


Definizioni utilizzate

Il tasso di mortalit├á infantile utilizzato per i confronti regionali si riferisce alla popolazione residente ed ├Ę ottenuto dal rapporto tra l'ammontare dei decessi dei bambini nel primo anno di vita rilevati attraverso l'indagine sui decessi e le cause di morte in un determinato anno di calendario e il numero di nati vivi desunti dalla rilevazione sul movimento e calcolo della popolazione residente (modello P2). Il tasso di mortalit├á nel primo mese di vita utilizza lo stesso denominatore. I decessi nel primo mese sono dovuti principalmente a cause cosiddette endogene, cio├Ę legate alle condizioni della gravidanza e del parto o a malformazioni congenite del bambino. Le cause esogene contribuiscono alla mortalit├á dei bambini nel periodo post-neonatale e generalmente sono prodotte da patologie legate a carenti condizioni igieniche, servizi sanitari non adeguati e difficilmente accessibili, inadeguata alimentazione, traumatismi e avvelenamenti. Nel caso dei confronti europei ├Ę stato utilizzato il dato pubblicato dall'Eurostat per il 2012.


Fonti

Istat, Rilevazione sui decessi e le cause di morte

Istat, Movimento e calcolo della popolazione residente

Istat, Health for All-Italia

Eurostat, Demography

Pubblicazioni

Istat-Unicef, La mortalità dei bambini ieri e oggi: l'Italia post-unitaria a confronto con i Paesi in via di sviluppo, 2011

Istat, La mortalità dei bambini ieri e oggi in Italia- Anni 1887-2011, Comunicato stampa, 15 Gennaio 2014

Link utili

Istat/cause di morte

Istat/mortalità infantile 1

Istat/mortalità infantile 2

Istat/health for all

Istat/datawarehouse

Misure del benessere

Eurostat/demography



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice