noi-italia2015
istat

Emissioni di gas serra

10/121

Versione stampabile

Le emissioni di gas serra quasi in linea con gli obiettivi definiti dal protocollo di Kyoto     

UNO SGUARDO D'INSIEME

In applicazione del protocollo di Kyoto, nel periodo 2008-2012 i paesi dell'area Ue15 si sono impegnati a ridurre complessivamente dell'8 per cento, rispetto al livello del 1990, le emissioni dei gas ad effetto serra. Per l'Italia l'obiettivo da perseguire è una riduzione delle emissioni pari al 6,5 per cento. Considerando la media delle emissioni del periodo 2008-2012, il contenimento delle emissioni raggiunto dall'Italia è circa del 4,6 per cento (-5,4 punti percentuali nel 2012 rispetto all'anno precedente). Quindi, nonostante la tendenza positiva (le emissioni in valore assoluto passano dai 519 milioni di tonnellate di CO2 equivalente del 1990 ai 460 del 2012), l'obiettivo fissato non è ancora pienamente raggiunto.


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Confronti europei


icona Emissioni di gas serra nei paesi Ue15
[xls
 - ods]


Confronti regionali


icona Emissioni di gas serra per regione
[xls]

icona Emissioni di gas serra per regione
[xls]


Serie storiche


icona Emissioni di gas serra per regione
[xls
 - ods]


Definizioni utilizzate

I gas presenti in atmosfera, di origine naturale e antropica, che assorbono ed emettono la radiazione infrarossa a specifiche lunghezze d'onda determinando il fenomeno detto "effetto serra", includono principalmente anidride carbonica (CO2), metano (CH4), protossido di azoto (N2O), idrofluorocarburi (HFC), perfluorocarburi (PFC), esafluoruro di zolfo (SF6). I gas serra consentono alle radiazioni solari di passare attraverso l'atmosfera e ostacolano il passaggio verso lo spazio di parte delle radiazioni infrarosse provenienti dalla superficie della Terra, contribuendo in tal modo al riscaldamento del pianeta. Ognuno di questi gas ha un proprio potenziale di riscaldamento specifico. Per calcolare le emissioni complessive ad effetto serra, le quantità relative alle emissioni dei singoli inquinanti vengono convertite in "tonnellate di CO2 equivalente", ottenute moltiplicando le emissioni di ogni gas per il proprio potenziale di riscaldamento - Global warming potential (Gwp) - espresso in rapporto al potenziale di riscaldamento dell'anidride carbonica. A tal fine sono applicati i seguenti coefficienti: 1 per CO2; 310 per N2O; 21 per CH4. Per l'anno 2012 il rapporto sull'effettiva compliance sarà inviato dall'Italia all'UNFCCC (Convenzione sui Cambiamenti Climatici) dopo aprile 2015, a seguito del completamento del processo internazionale di review dell'Inventario delle emissioni.


Fonti

Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (Ispra)

Eurostat, Environment statistics

Pubblicazioni

Ispra, Annuario dei dati ambientali 2014

Link utili

Ispra/emissioni

Eurostat/environment



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice