Spesa per la tutela dell'ambiente

6/120

Le amministrazioni regionali nel 2011 spendono, in media, 69 euro pro capite per la tutela ambientale     

UNO SGUARDO D'INSIEME

La spesa per la tutela dell’ambiente erogata mediamente dalle amministrazioni regionali nel 2011 è pari a 69,0 euro per abitante, valore in lieve diminuzione rispetto al 2010. Il decremento della spesa in conto capitale e il contestuale lieve aumento della spesa in conto corrente ripartisce la spesa ambientale pressoché ugualmente tra parte corrente (34,6 euro per abitante) e parte in conto capitale (34,3 euro per abitante). La spesa ambientale è destinata prevalentemente a interventi e attività volte alla salvaguardia dei fenomeni di inquinamento e di degrado (44,1 euro pro capite per emissioni atmosferiche, scarichi idrici, rifiuti, inquinamento del suolo, perdita di biodiversità, erosione del suolo, salinizzazione, ecc.). La spesa per interventi di “uso e gestione delle risorse naturali”, destinati a salvaguardare l’ambiente da fenomeni di esaurimento dello stock delle risorse naturali (foreste, risorse energetiche, risorse idriche, ecc.), ammonta a 24,9 euro per abitante.


L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Scarica la scheda in PDF
Avvertenze


Confronti regionali


Spesa ambientale destinata alla "protezione dell'ambiente", per settore ambientale di intervento e per ripartizione geografica

Spesa per la tutela dell'ambiente per regione

Spesa per la tutela dell'ambiente per regione


Serie storiche


Spesa per la tutela dell'ambiente per regione


Definizioni utilizzate

La spesa ambientale è calcolata a partire da un processo di analisi e riclassificazione delle uscite finanziarie esposte nei conti consuntivi annuali delle amministrazioni regionali finalizzato ad una quantificazione del fenomeno secondo le definizioni e classificazioni internazionali di riferimento (Eurostat, Nazioni Unite). La spesa ambientale comprende tutte le spese destinate ad attività o interventi di “protezione dell’ambiente” e/o di “uso e gestione delle risorse naturali”, ivi incluse attività di tipo strumentale quali monitoraggio e controllo, ricerca e sviluppo sperimentale, amministrazione e regolamentazione, formazione, informazione e comunicazione. L’indicatore riportato è ottenuto come rapporto tra il valore complessivo della spesa ambientale, corrente e in conto capitale, e la popolazione media. Sono incluse sia le spese ambientali per le attività realizzate direttamente dalle amministrazioni regionali (spese per il personale in servizio, acquisto di beni e servizi, acquisto di beni mobili, macchinari, ecc.), sia i trasferimenti correnti e in conto capitale per il finanziamento di analoghe spese realizzate da altri operatori economici (trasferimenti ad altri enti pubblici, ad imprese, ecc.).


Fonti

Istat, Conti delle transazioni monetarie relative all'ambiente

Pubblicazioni

Istat e Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare (2007), Il calcolo della spesa pubblica per la protezione dell’ambiente. Linee guida per riclassificare i rendiconti delle amministrazioni pubbliche, 12 febbraio 2007.

Istat, Spesa ambientale delle amministrazioni regionali - Anni 2004-2011, Comunicato stampa, 10 gennaio 2014

Link utili

Istat/ambiente

Istat/comunicati

 



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice