Tasso di mancata partecipazione

103/121

Versione stampabile

Elevato e in crescita il numero di persone potenzialmente impiegabili     

UNO SGUARDO D'INSIEME

Il tasso di mancata partecipazione rappresenta un indicatore particolarmente importante per quei paesi, come l’Italia, caratterizzati da una quota elevata di persone che non cercano lavoro attivamente e, pertanto, non rientrano nel computo statistico della disoccupazione. L’indicatore offre una misura più ampia della quota di persone potenzialmente impiegabili nel sistema produttivo poiché tiene conto anche di una parte delle forze lavoro potenziali, vale a dire coloro che si dichiarano disponibili a lavorare pur non cercando attivamente lavoro. Il tasso di mancata partecipazione italiano nel 2013 è pari al 21,7 per cento, in aumento rispetto al 20,0 dell’anno precedente. L’indicatore raggiunge il 18,3 per cento tra gli uomini e il 26,1 per cento tra le donne, con una lieve diminuzione del divario di genere a causa di un più forte peggioramento della situazione maschile. L’elevato livello di mancata partecipazione che caratterizza il nostro Paese suggerisce la persistenza di meccanismi di scoraggiamento che deprimono l’ingresso nel mercato del lavoro di ampie fasce di popolazione: nel 2013 coloro che non cercano lavoro ma vorrebbero lavorare sono pari a 3 milioni e 91 mila unità. Tra questi il 46,2 per cento è scoraggiato, ovvero dichiara di non aver cercato lavoro perché ritiene di non riuscire a trovarlo.


L'ITALIA NEL CONTESTO EUROPEO

L'ITALIA E LE SUE REGIONI

Confronti europei


Tasso di mancata partecipazione della popolazione in età 15-74 anni per sesso nei paesi Ue
[xls
 - ods]


Confronti regionali


Tasso di mancata partecipazione 15-74 anni per sesso e regione
[xls]

Tasso di mancata partecipazione della popolazione in età 15-74 anni per regione
[xls]

Tasso di mancata partecipazione della popolazione in età 15-74 anni (3D)
[mp4]


Serie storiche


Tasso di mancata partecipazione 15-74 anni per sesso e egione
[xls
 - ods]


Definizioni utilizzate

Il tasso di mancata partecipazione è stato inserito tra gli indicatori scelti per stimare il progresso della società italiana dalla Commissione Benessere Istat-Cnel per la misurazione del benessere ed è calcolabile a partire dai dati Eurostat, sebbene non diffuso direttamente a livello europeo. L’indicatore, riferito alla popolazione tra 15 e 74 anni, pone al numeratore i disoccupati e gli inattivi che non cercano lavoro ma sarebbero disponibili a lavorare e al denominatore questi ultimi più le forze lavoro (insieme di occupati e disoccupati). I dati nazionali e regionali presentati sono provvisori perché si riferiscono ad una popolazione non ricostruita alla luce delle risultanze del Censimento generale della popolazione e delle abitazioni 2011.


Fonti

Istat, Rilevazione sulle forze di lavoro

Eurostat, Labour force survey

Pubblicazioni

Cnel-Istat, Bes 2014, Il Benessere Equo e Sostenibile in Italia, giugno 2014

Istat, Rapporto annuale 2014, maggio 2014

Link utili

Istat/lavoro

Istat/datawarehouse

Misure del benessere

Eurostat/labour market



Codice da incorporare

Clicca qui per selezionare il codice