Vai direttamente a:

Ambiente

Uno sguardo d'insieme

 

Nel 2016 la quantità di rifiuti urbani raccolti è pari a 30,1 milioni di tonnellate, con un aumento di circa 590 mila tonnellate rispetto all'anno precedente, in parte dovuto alla nuova metodologia di calcolo adottata. In termini pro capite la produzione si attesta a 496,7 kg per abitante (+2,2% rispetto al 2015) e di questi poco meno di un quarto è smaltito in discarica nel rispetto delle normative europee. La raccolta differenziata raggiunge il 52,5%, 5 punti percentuali in più rispetto al 2015, confermando il trend fortemente crescente degli ultimi anni: rispetto al 2006 la percentuale è raddoppiata, anche se non raggiunge ancora l'obiettivo  del 65% previsto per il 2012. 

 

Tra il 1990 e il 2015 l’Italia ha ridotto le emissioni dei gas serra del 16,7%, passando da 520 milioni di tonnellate di CO2 equivalente a 433.  Nello stesso periodo a fronte di un aumento medio della popolazione del 7,1%, le emissioni pro capite sono diminuite del 22,2%. Nel 2015, le emissioni gas serra, dopo quattro cali consecutivi, aumentano lievemente (+2,3%).

 

L'inquinamento dell'aria rappresenta uno dei principali problemi ambientali soprattutto in ambito urbano. Nel 2017, il 36,9% delle famiglie percepisce come inquinata l'aria della zona dove risiede, mentre sono poco più di un quinto le famiglie che lamentano la presenza di odori sgradevoli

 

In Italia nel 2016, le aree adibite alla balneazione, rappresentate dalle acque marino-costiere, di transizione e interne superficiali, sono 5.518.  Si conferma il trend crescente della percentuale delle acque di balneazione con qualità eccellente, che raggiunge il 90,8%, 3,6 punti in più rispetto al 2013.