Vai direttamente a:

Condizioni economiche delle famiglie

Uno sguardo d'insieme


Tra il 2016 e il 2017 sono cresciute sia l’incidenza di povertà assoluta sia quella relativa.

La povertà assoluta coinvolge il 6,9% delle famiglie residenti e rispetto al 2016 peggiorano le condizioni delle famiglie con un figlio minore, con anziani e dove sono presenti più nuclei familiari. Il 12,3% delle famiglie è relativamente povero, per un totale di 9 milioni 368 mila persone. L'incidenza di povertà relativa è decisamente elevata tra le famiglie con persona di riferimento occupata in posizione di operaio e assimilato e nelle famiglie dove sono presenti stranieri

Nel 2016, le famiglie residenti in Italia hanno percepito un reddito disponibile netto pari, in media, a 30.595 euro (circa 2.550 euro al mese). Tuttavia, data l'asimmetricità della distribuzione dei redditi, la maggioranza delle famiglie ha conseguito un reddito inferiore all’importo medio. Il valore mediano, infatti, che fornisce il livello di reddito che equiripartisce la distribuzione, mostra che il 50% delle famiglie residenti in Italia ha percepito un reddito netto non superiore a 25.091 euro (circa 2.091 euro al mese).

Nel 2017 si riducono fortemente i soggetti che vivono in famiglie gravemente deprivate.

Pur in crescita per il quarto anno consecutivo, la spesa media mensile delle famiglie residenti in Italia rimane nel 2017 al di sotto del livello del 2011. Il 17,8% del totale è destinato ai prodotti alimentari e bevande analcoliche, l’82,2% alla spesa per beni e servizi non alimentari.

 

Nel 2018 la quota di persone soddisfatte per la propria situazione economica cresce rispetto all'anno precedente, con un aumento della quota di coloro che si dichiarano sia abbastanza soddisfatti sia "molto soddisfatti".