Vai direttamente a:

Macroeconomia

Uno sguardo d'insieme

 
Le grandezze macroeconomiche descrivono la struttura e la capacità di crescita di un sistema economico.

Le risorse a disposizione di un’economia (Pil e importazioni) possono essere utilizzate per l’acquisto di beni di consumo, essere investite o esportate: consumi, investimenti ed esportazioni sono le tre componenti della domanda aggregata.

 

In aumento per il terzo anno consecutivo, nel 2017 il Pil pro capite in Italia è cresciuto dell'1,7% (-7,9% dal 2007). Le vendite sui mercati esteri si confermano fortemente concentrata nelle regioni del Centro-Nord, da cui proviene l’88,1% delle esportazioni, mentre il Mezzogiorno attiva il 10,5% dell’export sui mercati internazionali. Nel 2016 la quota dei consumi finali interni in rapporto al Pil risulta in lieve calo per il quarto anno consecutivo mentre prosegue la crescita della quota di investimenti iniziata nel 2015. 

 

Tra il 2010 e il 2016 la produttività del lavoro per l’intera economia aumenta dell'1,8%. Nell'ultimo anno è diminuita dello 0,4%, per effetto di una crescita del valore aggiunto (+1,1%) inferiore a quella registrata per l'input di lavoro (+1,6%).

 

Nel 2018 l’aumento dell’indice nazionale dei prezzi al consumo NIC si mantiene stabile all’1,2%. Nel corso dell’anno l’inflazione è stata trainata dai beni e servizi di grande rilevanza nella spesa delle famiglie.

Nel 2017 i prezzi delle abitazioni tornano a scendere, dopo la lieve ripresa dell'anno precedente. La flessione è dovuta sia alla dinamica dei prezzi delle abitazioni esistenti sia a quella dei prezzi delle abitazioni nuove.