Vai direttamente a:

Infrastrutture e trasporti

L'Italia nel contesto europeo

 

Tra i paesi dell'Unione, l'Italia presenta una bassa intensità autostradale in rapporto alle autovetture e una dotazione di 28 km di rete ferroviaria per 100.000 abitanti, molto al di sotto della media Ue: per la sola rete a binario doppio elettrificato il valore è prossimo alla media Ue. E' invece di gran lunga uno dei paesi a più alto tasso di motorizzazione, preceduta solo da Lussemburgo e Malta.  

 

Nel 2016 la Germania si conferma leader in Ue per trasporto merci su strada con quasi 306 miliardi di Tkm, l'Italia è sesta con circa 113 miliardi di Tkm, valore inferiore a quello di tutti i principali partner dell’area dell’euro. In rapporto alla popolazione il volume di traffico merci più consistente si rileva in Lussemburgo e Lituania, mentre nel nostro Paese si conferma tra i più bassi.  

 

Nell'Unione europea si registra una lieve flessione nel trasporto aereo dei passeggeri. Rapportando i dati alla popolazione, il nostro Paese si situa tra quelli ad intensità medio-bassa. 

Tra gli aeroporti dell'Ue, nel 2016 Fiumicino è al nono posto per numero di passeggeri (oltre 40 milioni);  Malpensa riveste la stessa posizione relativamente al trasporto merci (più di 500 mila T).

 

L'Italia si conferma nel 2015 il primo paese europeo per trasporto di passeggeri via mare; relativamente alle merci, il nostro Paese si attesta al 4° posto per volume del traffico container.

 

Nel 2016 il numero delle vittime per incidenti stradali, rispetto alla popolazione residente, si conferma superiore a quello dei principali partner e alla media Ue28.