Vai direttamente a:

Energia

Uno sguardo d'insieme

 

Il settore energetico ha un ruolo determinante nello sviluppo economico sostenibile di un paese, sia per quanto riguarda la disponibilità delle fonti, alcune delle quali soggette a naturale esaurimento, sia per gli effetti che possono essere prodotti sull'ambiente.

 

Nel 2017 sono in aumento per il terzo anno consecutivo sia i consumi elettrici che la produzione lorda di energia elettrica. I consumi, pari a 4.986,7 Kwh per abitante, con un aumento del 2,4%, mentre la produzione lorda di energia elettrica passa da 47,8 GWh per 10 mila abitanti del 2016 a 48,9  (+2,3% rispetto al 2016). 

 

Nell'ambito della strategia europea per la promozione di una crescita economica sostenibile, lo sviluppo delle fonti rinnovabili rappresenta un obiettivo prioritario per tutti gli Stati membri per attuare il processo di decarbonizzazione e la lotta ai cambiamenti climatici. Secondo quanto era stabilito nella nuova Strategia per il clima e l’energia nel 2030 adottata nell'ottobre 2014, l’Unione europea doveva raggiungere una quota del 27% di consumo energetico proveniente da fonte rinnovabile (nel 2016 era al 17%).

Nella nuova direttiva del parlamento europeo RED II, il nuovo obiettivo del 32% richiederà al nostro Paese uno sviluppo considerevole delle fonti rinnovabili, con una maggiore produzione da fotovoltaico ed eolico.

ll contributo delle fonti rinnovabili ai consumi di energia elettrica tra il 2007 e il 2014 ha registrato una buona performance, con il raggiungimento dell'obiettivo al 2020, anche se non vincolante. Negli ultimi tre anni il processo ha subito un'inversione di tendenza, con una incidenza scesa fino a raggiungere nel 2017 il 31,1%