Vai direttamente a:

Territorio

L'Italia e le sue regioni


In termini di dimensione demografica e di superficie territoriale, la Lombardia è la regione più popolosa, mentre Umbria, Basilicata, le province autonome di Trento e Bolzano, Molise e Valle d’Aosta, collocate in zone alpine e lungo l’Appennino, hanno una popolazione inferiore al milione di residenti.

La Regione più densamente popolata è la Campania con 427,5 abitanti per km² (più del doppio della media nazionale), seguita dalla Lombardia (419,6);  la Valle d'Aosta è la meno densamente popolata, seguita da Basilicata, Sardegna e Molise con meno di 70 abitanti per km².

Nel 2017 la regione con la quota più alta di superficie territoriale protetta delle aree della Rete Natura 2000 è l'Abruzzo, con il 35,7% del territorio (dato nazionale al 19,3%). Nel Mezzogiorno si riscontra la maggiore incidenza di queste aree (21,6%), mentre al Centro la minore (17,1%). La Sicilia e la Sardegna presentano il valore regionale più alto di superficie terrestre della Rete Natura 2000 (oltre 4.500 chilometri quadrati per ciascuna regione). Considerando la parcellizzazione delle aree, la Lombardia ne conta il maggior numero (245), seguita dalla Sicilia (238) e dal Lazio (200).

Per l'indicatore dei permessi di costruire in nuove abitazioni nel 2015 i valori del Centro-Nord e del Mezzogiorno si mantengono allineati; viceversa riemerge uno scostamento in termini di superficie: per quest'ultimo indicatore il Nord-est registra valori doppi rispetto al Centro. A livello regionale la situazione è eterogenea: i valori più bassi si riscontrano in Toscana e  Liguria (0,7 nuove abitazioni autorizzate e meno di 60 m² per mille famiglie), a Bolzano quelli più alti.