Vai direttamente a:

Ambiente

L'Italia e le sue regioni


Nel 2014 Molise e Basilicata producono meno di 400 kg per abitante di rifiuti urbani (in calo rispetto al 2013). All'opposto Emilia-Romagna e Toscana sono i primi produttori, con livelli oltre i 600 kg e in crescita. La provincia autonoma di Bolzano, la Lombardia e il Friuli-Venezia Giulia sono tra le regioni con le migliori performance nella percentuale dei rifiuti urbani smaltiti in discarica sul totale dei rifiuti urbani raccolti. La situazione è critica in Sicilia con oltre l'80%. Nella raccolta differenziata le performance migliori sono quelle della provincia autonoma di Trento e del Veneto dove si supera il 65%, obiettivo previsto per il 2012. La Sicilia è la più lontana dai target previsti.

Per quanto riguarda l'inquinamento dell'aria, nel 2015 sono le famiglie del Nord-ovest a segnalare maggiormente il problema mentre, rispetto alla percezione di odori sgradevoli, sono quelle del Mezzogiorno.

La Lombardia è la regione dove si preleva il maggior volume di acqua per uso potabile, il 16% del totale. Volumi consistenti si rilevano anche nel Lazio e in Campania. Valle d'Aosta e Sicilia sono le regioni in cui si registra, rispetto al 2008, il maggior incremento percentuale nei prelievi, con una crescita, rispettivamente, del 32,7% e del 14,1%. Di contro, Puglia e Marche segnano la maggiore contrazione, rispettivamente del 14,7% e del 13,2%. In Italia si prelevano al giorno 435 litri di acqua per abitante. Nel 2012 i prelievi pro capite registrano il valore massimo in Basilicata e il valore minimo in Puglia.