Vai direttamente a:

Infrastrutture e trasporti

Uno sguardo d'insieme


A livello infrastrutturale, l'Italia dispone di una rete autostradale che nel 2014 si estende per 6.844 km, poco più del 9% di quella europea, con un leggero aumento negli ultimi tre anni in rapporto alle autovetture registrate.
La rete ferroviaria, che si sviluppa per 27,4 km ogni 100 mila abitanti, negli ultimi quattro anni segnala una progressiva riduzione in rapporto alla popolazione.

Nel 2014 il trasporto di merci su strada ha sviluppato un traffico di poco inferiore a 118 miliardi di tonnellate-km (Tkm), in calo del 7,4% rispetto al 2013. Il volume di traffico italiano, pari a 19,4 milioni di Tkm per diecimila abitanti, è inferiore a quello di tutti i principali partner dell'area dell'euro.
Dopo la lieve riduzione del 2013, il traffico aereo dei passeggeri segna una ripresa; viceversa il movimento di merci in navigazione di cabotaggio si conferma in flessione.

Il tasso di motorizzazione, in flessione nel 2012 e 2013, segna un lieve aumento, con quasi 610 autovetture per mille abitanti.
Nel 2014 il numero delle vittime della strada è pressochè stabile rispetto all'anno precedente. Nel corso degli anni la mortalità per incidente stradale ha registrato una forte riduzione e il trend discendente si è attenuato nell'ultimo anno.

La maggior parte degli studenti e degli occupati utilizza un mezzo di trasporto per i propri spostamenti. Prevale l'uso del mezzo privato e in particolare dell'automobile. Rispetto agli occupati, gli studenti si spostano più spesso a piedi e usano di più i mezzi pubblici.